don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 23 Dicembre 2021

84

“Parlava benedicendo Dio”

Anche Zaccaria, padre di Giovanni il Battista, benedice Dio, come la Vergine Maria. Anche la sua lode a Dio segue dopo che ha sperimentato la lunga prova di rimanere muto. Ma questa non è stata sufficiente per cambiare nel cuore di questo uomo la sua fede nel Signore, anzi lo ha radicato ancor di più nel credere nel progetto di Dio.

È per questo che insiste fortemente nel chiamare suo figlio Giovanni, come gli aveva annunciato l’angelo Gabriele, e contrariamente a quanto previsto dalla tradizione. La fede a volte sembra rendere “testardi”, perchè chiede di andare oltre la consuetudine, oltre le aspettative e oltre le proprie personali certezze.

Zaccaria non contava più di poter avere dei figli data la sua età avanzata e quella di sua moglie. Questa “testardaggine” si chiama obbedienza perchè sottomette fiduciosamente e amorevolmente tutte le proprie resistenze interiori ed esteriori al compimento del progetto di Dio.

In breve

È l’obbedienza, l’amore e la docile accoglienza del progetto di Dio la vera vigilia che conduce alla tenerezza, alla gioia, alla pace e alla serenità che dona il Natale.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 23 Dicembre 2021
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 23 Dicembre 2021