don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 22 Maggio 2021

70

“A te che importa? Tu seguimi”

Gesù dà a Pietro una risposta molto secca. Forse brusca, ma necessaria. A volte infatti ci capita di metterci nei panni degli altri e questo non è salutare per la nostra serenità e per le nostre scelte. Gesù impone a Pietro di non indugiare nell’occuparsi del cammino degli altri, delle loro prove, dei loro tempi o di ciò che a loro è offerto o richiesto.

Occorre rimanere concentrati sul proprio cammino con Gesù. Cosa chiede a te Gesù in questo momento della tua vita? Quale sforzo o quale passaggio di conversione sei chiamato a realizzare? A volte abbiamo la tentazione di sfuggire alle difficoltà del nostro cammino o guardando gli altri, o rimpiangendo il passato o “disprezzando” il futuro. Gesù invita a mantenere lo sguardo sul presente, sulle prove del momento. È solo per queste che abbiamo la Sua grazia per continuare il nostro cammino.

In breve

Quando seguire Gesù si fa difficile e richiede un grande sforzo, si presentano numerose distrazioni e motivazioni che ti possono portare a rinunciare e desistere. Ma Gesù ti chiede di non guardare ad altri o altrove. Rimani lì, dove Gesù ti chiede di seguirlo.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 22 Maggio 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 22 Maggio 2021