don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 21 Settembre 2021

78

“Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati”

In un periodo storico in cui sempre di più l’attenzione è concentrata sulla salute e sulla prevenzione, forse è cambiato anche il concetto di persona “sana”. Non è più colui che gode di buona salute e non ha malattie o infezioni, oggi se si è sani è perchè si è stati vaccinati e non si è più ad alto rischio di subire gli effetti del virus. In altri termini la persona sana è in realtà un malato potenziale che è stato immunizzato. Ed è proprio quello che fa Gesù con noi. Viene incontro alla nostre debolezze per immunizzarci.

Viene per sollevarci dai nostri peccati, per liberarci da tutti quegli atteggiamenti che ci rendono schiavi, ci privano della dignità di figli di Dio, ci separano dal suo amore, ci precludono l’accesso alla vita eterna. Gli effetti del peccato sono molto più rischiosi di quelli di un virus. Per quanto questo possa causare sofferenze, il suo effetto finisce con la morte. Il peccato continua ad avere effetti anche dopo di essa, nella vita eterna. E Gesù è venuto per liberarci da ogni peccato. Se vuoi, se accogli la sua grazia, la tua liberazione può cominciare proprio oggi!

In breve

Il peccato ha effetti più devastanti di ogni tipo di virus. Questo muore insieme al paziente, il peccato invece continua a produrre effetti anche sulla vita eterna.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 21 Settembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 21 Settembre 2021