don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 21 Dicembre 2020

79

“Fu colmata di Spirito Santo”

Elisabetta non poteva sapere di Maria e dell’annuncio che aveva ricevuto. Ma appena ha ricevuto la sua visita, ha avvertito qualcosa. Con un sussulto il suo bambino Giovanni partecipò della stessa sensazione della madre. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo e semplicemente ricevendo il saluto della Vergine, profetizzo quello che sarebbe avvenuto in lei. È così che agisce lo Spirito Santo, ti permette di andare al di là di quello che vedi, delle situazioni del momento.

Lo Spirito ti comunica quelle intuizioni, quelle ispirazioni che ti permettono di vedere quale può essere il progetto di Dio quando ancora sembra che non ci sia nulla. Lo Spirito ti fa avvertire la certezza e la robustezza del progetto di Dio e ti permette di affidarti. Quando vedi le cose confuse, senza certezze e piene di timori, invoca lo Spirito Santo. Egli ti permetterà di cominciare a guardare la realtà in modo diverso per poter intuire quello che Dio può realizzare anche attraverso passaggi difficili o complicati. Lo Spirito non può lasciarti senza la luce necessaria per avanzare anche se a piccoli passi.

In breve

In un clima di incertezza e di confusione è allo Spirito Santo che devi chiedere il dono di far luce sulla realtà presente affinchè tu possa intuire il progetto che il Signore sta compiere.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto: La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS
e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 21 Dicembre 2020
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 21 Dicembre 2020