don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2020

158

“Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore”
 
La vergine Madre di Dio è colei che ha saputo amare più di ogni altra creatura umana il figlio di Dio. In lei la madre si è fatta discepola rendendo il suo amore per Dio unico e al di sopra di ogni misura possibile ad un uomo. Il suo cuore immacolato, poichè libero da ogni peccato, è profondamente unito al cuore di suo figlio e condivide con Lui l’amore al Padre e agli uomini. L’amore materno di Maria non può non riversarsi su coloro che lo stesso cuore di suo figlio ha amato fino a dare la vita.

Quando guardi il cuore immacolato di Maria non puoi non avvertire allo stesso tempo la sua tenerezza, la sua cura materna e il desiderio di rivolgerti verso Dio e amarlo. Non puoi guardare al suo cuore senza sentirti anche tu sospinto ad amare chi è al centro del suo cuore. Se guardi al cuore di Maria lei mette nel tuo cuore un desiderio di amare Dio in modo sempre più autentico e generoso. Il suo cuore materno è la via per giungere al cuore di Dio.

In breve

Se ti fermi a meditare l’intensità dell’amore della Vergine Maria per Gesù non puoi non sentire anche in te un amore più grande e generoso per Dio e per i fratelli.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli