don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 20 Gennaio 2022

123

- Pubblicità -

“Disse ai suoi discepoli di tenergli pronta una barca”

Gesù si rende conto della folla numerosa che lo attornia e prende delle precauzioni affinchè non lo schiacciassero. Chiede ai discepoli di tenergli pronta una barca. Anche noi sappiamo a quanti pericoli ogni giorno andiamo incontro, di alcuni ne siamo pienamente consapevoli, per altri ne preavvertiamo il rischio, altri ancora ci giungono improvvisi.

Tu come ti prepari ad affrontare questi pericoli quotidiani? Quali sono le tue barche? Ci sono pericoli legati alle relazioni, al tempo in cui indugi nel parlare con alcune persone, ai discorsi che fai, o ai messaggi e ai video che scambi. Ci sono pericoli di natura spirituale: ricordi, emozioni, preoccupazioni che ti assalgono all’improvviso per confonderti, per farti deviare dal tuo cammino, o allontanarti da Dio, o dal prossimo.

Per ogni pericolo devi avere una barca sempre pronta in cui rifugiarti. La preghiera, la meditazione della parola di Dio e la grazia di Dio sono la barca di cui non devi mai privarti per trovarti pronto dinanzi ai pericoli che provengono dagli uomini e alle tentazioni che ti assalgono durante la giornata.

In breve

Qual è la tua barca quotidiana in cui sai di poterti rifugiare dinanzi ai pericoli umani e spirituali che ti assalgono nella giornata?


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

- Pubblicità -

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 20 Gennaio 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 20 Gennaio 2022