don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 20 Febbraio 2021

40

“Sono i malati che hanno bisogno del medico”

Esistono malati che sono capaci di riconoscere le loro malattie, perchè la malattia li ha privati della salute o impedisce il regolare svolgimento di alcune funzioni. Questi si recano spontaneamente dal medico perchè riconoscono il loro male. Ma ci sono malati asintomatici, verso i quali è il medico che deve sapersi fare vicino. Questi non riconoscono di essere malati, o non hanno nemmeno la forza per raggiungere il medico.

Questo genere di malati merita più attenzione degli altri perchè è maggiormente in pericolo: sia perchè non riconosce il suo male, sia perchè non ha la forza in sè stesso per recarsi dal medico e mettersi in un percorso di guarigione. Il medico non può restare fermo nel suo ambulatorio ad aspettare il malato per rispettare la sua libertà o attendere la sua volontà. Questi malati vanno guariti in altro modo, a domicilio. Non aspettare la conversione del tuo fratello, recati presso il domicilio del suo cuore. Portagli la tua preghiera, la tua carità, la parola di Dio. Sono queste le medicine del primo soccorso verso di Lui.

In breve

Esistono i malati a domicilio. Quelli verso i quali sei tu che devi recarti da loro, perchè non riconoscono la loro malattia, o non possono recarsi dal medico. Ad essi porta la tua preghiera, la tua carità e la parola di Dio come medicine di primo soccorso.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube