don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 20 Febbraio 2020

249

“Faceva questo discorso apertamente”

È bella la libertà con cui Gesù parla di quello che gli dovrà accadere, della sua sofferenza, della sua morte e della sua risurrezione. Pietro non è molto d’accordo. L’immagine del Messia che ne traspare non è “politicamente corretta” da quella che ci si aspetterebbe.

Pietro manifesta che non ci sta ad una sequela così.

Forse quanto ha detto Gesù un pò lo spaventa, lo destabilizza, gli fa crollare alcune certezze o contrasta con quanto aveva idealizzato. Gesù parla apertamente e non lascia guardare le cose come invece piacerebbe vederle. Dice le cose come stanno anche se fa male passare dall’idealizzazione alla realtà.

Ma è proprio questa verità che libera, che permette di accogliere la vita per quello che offre da vivere e di non scartare nulla, anche se non si comprende subito o non è in linea con le proprie attese e i propri desideri.

In breve

Il modo di parlare di Gesù anche se destabilizza le tue certezze o credenze umane, allo stesso tempo ti offre il modo più veritiero per vedere le situazioni della vita e per affrontarle nel modo giusto.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Tu sei il Cristo …. Il Figlio dell’uomo deve molto soffrire.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 8, 27-33   In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti». Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.  E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere. Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».   Parola del Signore