don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022

70

- Pubblicità -

“Non ardeva forse in noi il nostro cuore?”

Un’autentica esperienza di Dio non può lasciarti indifferente, ti fa provare dei sentimenti, ti fa ragionare da un altro punto di vista rispetto a quello umano e nell’insieme ti induce ad assumere alcuni comportamenti. I discepoli di Emmaus passano da sentimenti di tristezza alla gioia, da pensieri di disillusione e confusione, alla fiducia e alla chiarezza, dall’atteggiamento di fuga e allontanamento, al ritorno energico e volenteroso. Quando vivi l’esperienza di Dio non fermarti solo a quello che ascolti, la sua Parola è fatta per coinvolgere anche il tuo cuore.

In breve

La Parola di Dio non è fatta solo per comunicare qualcosa alla tua mente, ma per coinvolgere tutta la tua persona e giungere al tuo cuore.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022
Articolo successivodon Alessandro Farano – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2022