don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 2 Dicembre 2020

118

“Sette pani, e pochi pesciolini”

È bello vedere Gesù preso dalla compassione per la folla affamata moltiplicare il pane e dar loro da mangiare. Molto spesso pero questo scenario sembra lontano dalla quotidianità e si continua a vedere la gente affamata e le risorse limitate. Non solo in termini materiali. Ci ritroviamo un pò tutti quanti affamati di senso, di speranza, di attenzioni e di affetto. Bisognosi di gesti di tenerezza, di qualcuno che sappia ascoltarci, dedicarci del tempo, interessarsi alla nostra vita, alle nostre difficoltà. Qualcuno che sappia come entrare nelle nostre solitudini nascoste e colmarle di amore. Dinanzi a tutta questa fame anche rivivere questo miracolo forse non ci risolleverebbe di molto.

Dall’altro lato come i discepoli ci ritroviamo spesso senza risorse e senza competenze. Inadeguati nel capire, nell’andare incontro all’altro, fragili e incostanti. Davanti a questa fame, siamo solo con pochi pani e pochi pesciolini. Eppure Gesù non ci ha mai chiesto di fare miracoli, ma solo di distribuire quello che Lui provvede. È questo quello a cui siamo chiamati. Dare quel bene di cui siamo capaci anche se è poco e fare in modo che aumenti sempre di più, attingendo da Gesù quanto più possiamo.

In breve

Non sei chiamato a fare miracoli. Ma solo a distribuire agli altri il bene che è dentro di te e ad attingerlo da Gesù in modo che sia sempre di più.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto: La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS
e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 2 Dicembre 2020
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 2 Dicembre 2020