don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 19 Ottobre 2019

355

“chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini”

Sentirsi riconosciuti è un’esperienza molto gratificante in cui qualcuno ci attribuisce un valore per qualcosa che abbiamo fatto, di cui siamo autori, o, ancora di più, ci riconosce un valore per quello che siamo. Essere riconosciuti è come uscire dall’anonimato e essere messi in luce, è una “nascita sociale”. Quando non sei riconosciuto quello che sei o che hai fatto è come se non fosse mai esistito. Riconosce Gesù è apprezzare il valore della sua opera, ovvero la salvezza, la redenzione che ti ha offerto. Riconoscere Gesù è avere considerazione della sua parola, adorazione per la sua divinità. Gesù ha molto in considerazione il tipo di riconoscimento che gli attribuisci davanti agli altri ed è pronto a ricambiarlo allo stesso modo davanti a tutta la sua coorte celeste.
Che bello quando incontriamo uno sconosciuto e ci saluta con ammirazione perchè altri hanno parlato bene di noi. Se parli bene di Gesù quaggiù, ti basterà appena un piede nell’eternità di Dio per essere riconosciuto e stimato da tutti. Gesù parlerà molto bene di te in tutto il suo Regno.

In breve

La gioia che dai a Gesù nel riconoscerlo tra gli uomini egli è pronto a ricambiarla con la beatitudine del cielo tra i suoi angeli

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 12, 8-12

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Io vi dico: chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini, sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio.

Chiunque parlerà contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonato; ma a chi bestemmierà lo Spirito Santo, non sarà perdonato.

Quando vi porteranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi di come o di che cosa discolparvi, o di che cosa dire, perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire».

Parola del Signore