don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 19 Agosto 2020

83

“voglio dare anche a quest’ultimo quanto a te”

La bontà di Dio è disarmante, tanto per chi la riceve, tanto per chi guarda a colui che la riceve. Chi la riceve avverte la generosa sovrabbondanza e magnanimità con cui viene remunerato rispetto all’impegno profuso e al risultato ottenuto. Invece, colui che osserva la bontà di Dio verso gli altri a volte rischia di non comprenderla e può commettere l’errore di compararla con la propria situazione. A volte ci si concentra di più su quanto gli altri vengano favoriti (secondo i propri parametri di giudizio) e si perde di vista il giusto che viene comunque assicurato da Dio nei propri confronti. Se non si purifica il cuore dai molteplici attaccamenti o dalle proprie aspettative, si rischia di vivere un conflitto interiore per la sorte altrui; di perdere la pace del cuore e divenire schiavi dell’invidia; di allontanarsi da Dio e sentirsi meno favoriti da Lui. La preghiera è la forza che ti aiuta a liberarti da questi movimenti interiori.

In breve

La magnanimità di Dio che vedi riversata verso gli altri è la prova visibile di quanto Dio conosca e abbia cura della fragilità umana. Pertanto, se Egli si comporta così con gli altri, non può evitare di agire allo stesso modo nemmeno con te.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli