don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2020

214

“Affinchè ve ne ricordiate”

Tante volte ricordare qualcosa in tempo è molto importante per noi stessi e le relazioni che viviamo. Anniversari, compleanni, eventi in programma, o ricordare di prendere qualcosa che potrà essere utile in seguito.. Alla base del ricordo c’è anzitutto il valore riconosciuto a qualcuno o qualcosa. Gesù afferma che è importante ricordare la sua Parola. Essa offre il modo di leggere gli eventi che accadranno e impedire che questi ci scandalizzino o intimoriscano. In effetti, gli eventi recenti dimostrano proprio quanto l’imprevedibilità della vita facilmente porta confusione, timore, disorientamento. Ma per ricordare la Parola di Dio hai bisogno di due cose: anzitutto di leggerla, conoscerla, meditarla e, non meno importante, darle valore. Se tu l’ascolti, ma non le dai nessun valore, non avrai nessun motivo per ricordarla e nel momento necessario non ti potrà essere d’aiuto per capire quanto ti sta accadendo.
A cosa associ la Parola di Dio per darle valore?

In breve

Dal valore che riconosci alla parola di Dio, dipende la tua capacità di ricordarla e di farti guidare da essa nella vita.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli