don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 17 Gennaio 2020

316

“A causa della folla”

Gesù è in casa e annuncia la Parola di Dio a molta gente. La casa si riempie e chi arriva più tardi è costretto a rimanere fuori, davanti alla porta. Tra questi giungono anche quattro persone con un paralitico. Nonostante desiderano portarlo davanti a Gesù non riescono perchè la folla li ostacola.
A volte in qualcuno nasce il desiderio di voler ascoltare il Signore, ma non sempre trova un accesso rapido, preferenziale e diretto a Lui. Il suo desiderio è buono, ma la troppa attesa, la stanchezza, gli altri interessi rischiano di spegnere questo desiderio che si è acceso nel cuore. Tante volte ci si imbatte nella “folla”, in persone che si nutrono dell’ascolto della Parola di Dio ma per se stessi, non sanno ancora aprirsi e far spazio affinchè altri possano inserirsi ed ascoltare, attingere ai suoi insegnamenti. Sono coloro che si sentono bisognosi della Parola di Dio, la cercano, ma non sono attenti a guardarsi intorno per capire se ci sono anche altri che hanno il bisogno di ascoltarla, di riceverla.
Tu provi a volte a condividere delle frasi del Vangelo con gli altri? O anche dei brevi commenti che puoi trovare in rete? Condividi le riflessioni de @labuonanovella?

In breve

Sii attento non solo a non farti mai mancare la Parola di Dio, ma anche a condividerla e renderla accessibile a chi intuisci che la cerca o possa beneficiarne dal riceverla.

Commento tratto dal nuovo libretto di don Vincenzo Marinelli intitolato:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale

E un’iniziativa che nasce per tutti coloro che desiderano vivere un contatto giornaliero con la Parola di Dio e trovare il benessere interiore. Quotidianamente offre una riflessione del Vangelo breve ed essenziale, che parli al cuore. Un strumento per tutti coloro che nonostante la frenesia e gli impegni quotidiani non vogliono rinunciare a meditare quanto il Signore comunica attraverso la Sua Parola. Già presente dal 2014 su diversi canali social, adesso è disponibile anche in forma cartacea e digitale in questa raccolta di riflessioni per l’Avvento e il Natale.

Disponibile su:

AMAZON | IBS


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Il Figlio dell’uomo ha il potere di perdonare i peccati sulla terra.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 2, 1-12 Gesù entrò di nuovo a Cafàrnao, dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa e si radunarono tante persone che non vi era più posto neanche davanti alla porta; ed egli annunciava loro la Parola. Si recarono da lui portando un paralitico, sorretto da quattro persone. Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dove egli si trovava e, fatta un’apertura, calarono la barella su cui era adagiato il paralitico. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: «Figlio, ti sono perdonati i peccati». Erano seduti là alcuni scribi e pensavano in cuor loro: «Perché costui parla così? Bestemmia! Chi può perdonare i peccati, se non Dio solo?». E subito Gesù, conoscendo nel suo spirito che così pensavano tra sé, disse loro: «Perché pensate queste cose nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire al paralitico “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati, prendi la tua barella e cammina”? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere di perdonare i peccati sulla terra, dico a te – disse al paralitico –: àlzati, prendi la tua barella e va’ a casa tua». Quello si alzò e subito prese la sua barella, sotto gli occhi di tutti se ne andò, e tutti si meravigliarono e lodavano Dio, dicendo: «Non abbiamo mai visto nulla di simile!». Parola del Signore.