don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2021

85

“Sono venuto a chiamare i peccatori”

Gran parte degli sforzi della nostra vita sono spesi nel mostrare agli altri la parte migliore di noi, quella più positiva, attraente o di maggior successo. Sfuggiamo invece i momenti di solitudine e accettiamo difficilmente gli insuccessi perchè ci rivelano la parte fallimentare e meno compiuta di noi. A volte poi non riusciamo nemmeno ad accettare alcuni aspetti di essa e li nascondiamo persino a noi stessi, cercando giustificazioni esterne o addossando ad altri le nostre colpevolezze.

Gesù conosce il cuore dell’uomo e conosce bene gli aspetti più fallimentari di ciascuno di noi. Aspetti che il più delle volte, sotto l’aspetto morale, coincidono con il peccato. Per questo è venuto per i peccatori. È venuto per aiutarci a portare alla luce le nostre zone d’ombra anzitutto davanti ai nostri occhi, e metterle davanti al suo giudizio senza più temere quello altrui. Lui che è l’unico che ha il potere di giudicarci, ci invita a non nascondergli più le nostre debolezze e gli aspetti meno riusciti della nostra vita. Porta tutti i tuoi frantumi, i tuoi errori, i tuoi peccati davanti a Gesù. ChiediGli di sanarti e di aiutarti a camminare integrando agli aspetti più riusciti della tua personalità, anche quelli ancora meno amabili.

In breve

E se la stima di te stesso non dipendesse dagli aspetti migliori della tua persona, ma dal modo con cui gestisci quelli meno amabili? È questa la stima di sè che hanno i peccatori che si lasciano amare da Gesù


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto: La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS
e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2021