don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2021

95

“Ieri, un’ora dopo mezzogiorno”

Il funzionario del re era andato da Gesù per pregarlo di recarsi a casa sua e guarire suo Figlio in pericolo imminente di morte. Ma Gesù lo congeda con la semplice rassicurazione che suo figlio è in vita. Quando gli vengono ad annunciare che effettivamente suo figlio non rischiava più di morire, il funzionario chiede a che ora sia avvenuto e riconosce che è esattamente il momento in cui Gesù lo aveva congedato, rassicurandolo. Questo episodio è un insegnamento per poter affrontare alcuni passaggi cruciali della nostra vita riconoscendo quei segni silenziosi in cui Dio si fa presente.

A volte accadono degli eventi nella ricorrenza della memoria di un Santo, o nella stessa data in cui è avvenuto qualche episodio particolare della sua vita; a volte invece ricorrono delle memorie liturgiche come quelle della Vergine Maria; oppure si può leggere la Parola di Dio del giorno, per cercare di cogliere il senso di quell’avvenimento. In generale quando ti accade qualcosa non lasciarlo al caso, ma riconducilo per quanto possibile ad un riferimento religioso. È un modo per poter cogliere come il Signore si fa presente nella tua vita e guida i tuoi passi.

In breve

Non lasciare nulla al caso di quanto ti accade, ma riconducilo ad un riferimento religioso. È un utile modo per poter metterti in ascolto di come il Signore si fa presente nella tua vita e per sostenere la tua fede.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 15 Marzo 2021