don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 15 Giugno 2021

92

“Amate i vostri nemici”

Le parole di Gesù provocano la nostra umanità. Qual è la prima reazione che avverti verso chi ti ha fatto del male? Suggerendoci di pregare Gesù anzitutto ci invita a far attenzione a quanto avviene dentro di noi. La preghiera infatti aiuta innanzitutto noi stessi a “ricomporci”, a rimettere in equilibrio quello che suggerisce la mente e quello che invece è il naturale e più immediato sfogo emotivo che si avverte. La preghiera è dunque innanzitutto un’occasione per fermarci, non essere impulsivi.

È in essa che troviamo la forza per moderare la reazione delle nostre passioni, lucidità ai nostri pensieri e impedire che le intenzioni malvagie che possono sorgere nel nostro cuore prevalgano. Con la preghiera possiamo addirittura cambiare lo sguardo sui nostri nemici. Rivolgendoci a Dio torniamo a vederli anzitutto come fratelli verso i quali pur avendo ricevuto un danno possiamo trovare una riconciliazione o quantomeno riacquisire la pace e la padronanza di noi stessi. Per quanto sia una prova dura da gestire, la relazione con il nemico è sempre un’occasione di crescita e di testimonianza per un cristiano.

In breve

Amare il nemico è sempre una prova difficile da gestire. Ma è un’occasione per crescere umanamente, maturare nella fede e offrire una testimonianza più forte della propria sequela di Cristo.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 15 Giugno 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 15 Giugno 2021