don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 14 Febbraio 2020

115

“Pace a questa casa!”

Gesù raccomanda questa espressione per entrare in casa. Non è un saluto convenzionale, ma una vera benedizione che invoca la “pace”, ovvero la “shalom”, che in ebraico indica in senso più ampio benessere e prosperità. Se qualcuno non l’accoglie, la pace ritorna su chi l’ha offerta. Tante volte ci si trova in situazioni di voler offrire all’altro qualcosa per il suo benessere: la disponibilità, le proprie capacità, beni materiali etc.. ma non sempre l’altro accoglie tale proposta per i motivi più diversi, condivisibili o meno.

Tu come rimani quando qualcuno rifiuta quello che tu hai offerto e si rivolge ad altri? Quando ti dice di no, ma poi realizza ugualmente quello di cui ti sembrava avesse bisogno? Ricevere un rifiuto non vuol dire che è stato disprezzato il proprio valore, o le proprie capacità, o quanto si era offerto, ma richiede salvaguardare la libertà dell’altro di accogliere o meno quanto si è offerto.

In breve

Accogliere il rifiuto che ricevi a seguito della tua proposta, manifesta ancora di più quanto valore attribuisci e quanta stima hai della libertà dell’altro.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 10, 1-9

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.

Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.

In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.

Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.