don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 13 Ottobre 2021

65

“le cose da fare”

Cose da fare e cose trascurate. Tra il programma mattutino della nostra giornata e il bilancio serale, potremmo fare un elenco enorme. Ma Gesù non si ferma solo a suggerire di fare un elenco, indica anche delle priorità e, al di sopra di tutte, pone l’amore di Dio. E non è un’indicazione astratta, ma è esattamente il metodo per migliorare il bilancio di fine giornata. Molto spesso infatti si trascurano le cose da fare per pigrizia, mancanza di volontà, contrattempi o mancanza di tempo.

A ben guardare molte delle “cose da fare” diventano “cose trascurate” perchè abbiamo anteposto ad esse interessi personali, altri impegni che potevano essere rimandati, ma che ci allettavano, ci incuriosivano e che ci hanno intrattenuto. Quando si antepone l’amore di Dio a tutto ciò che c’è da fare riusciamo a farlo meglio, con maggiore disponibilità e dedizione riuscendo anche a mettere da parte quello che invece ci piacerebbe fare. Riusciamo con più serenità a valutare quanto c’è da fare al momento e, a fine giornata, ci ritroviamo con meno cose trascurate e più cose fatte.

In breve

Se anteponi l’amore di Dio alle tue occupazioni, riuscirai a realizzare meglio quello che c’è da fare e a trascurare di meno le cose importanti.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 13 Ottobre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 13 Ottobre 2021