don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021

63

“La necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai”

Se c’è un motivo per cui Gesù indica la necessità di pregare è proprio perchè la preghiera stanca. E sono tante le cause di questa stanchezza. Ma di per sè la preghiera non dovrebbe stancare mai perchè è un momento di incontro con Dio in cui Lui ci ricolma del suo amore e questo non stanca mai, anzi ne abbiamo sempre la necessità. Quali sono queste cause?

1. Anzitutto le tentazioni. Rendono la preghiera faticosa, una lotta tra i pensieri che distraggono continuamente la mente. 2. L’abitudine, la ripetitività della preghiera, dei testi, delle sequenze, dei gesti. 3. Fattori esterni: la temperatura, la postura, rumori di sottofondo che, quando prega a lungo, stancano. 4 La mancanza di uno scopo. Quando si prega perchè si deve pregare, ma nell’animo non c’è nessun desiderio di preghiera, nessuna apertura del cuore a Dio. 5. Fattori interni ma di tipo psicologico. Difficoltà a pregare in quel modo, con quella persona, con quel gruppo etc… Come superare queste cause? Non solo correggendo tutti questi aspetti, ma partendo dall’amore, dal desiderio di ritrovarsi in intimità con Dio. La preghiera non è il fine, ma è lo strumento che deve portarti all’incontro con Dio. Se non parti di qui, anche lo sforzo di correggere tutto il resto ti stancherà molto presto.

In breve

Sono tante le cause che possono stancare la tua preghiera. Ma tu riparti sempre dal desiderio di incontrare il Signore e saprai vincere e sopportare molto meglio ciò che può stancare la tua preghiera.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021