don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 13 Gennaio 2021

63

“Al mattino presto”

La giornata di Gesù comincia al mattino presto, nel silenzio e con la preghiera. Com’è il tuo risveglio? A volte ci si sveglia già in ritardo con il programma della giornata, pensando alle mille cose da fare, ai minuti già da recuperare, ad organizzare al meglio i propri impegni. La preghiera del mattino, quando c’è, rischia di ridursi ad un momento veloce, vissuto tra una cosa e l’altra, distratto e svuotato della sua finalità di incontro con Dio.

Si tratta più di un’azione mentale e abituale che di un momento capace di toccare in profondità il cuore. Davvero non c’è proprio tempo per incontrare il Signore con calma? E se al mattino non c’è tempo, allora riesci a riservare un momento giusto nel corso della giornata? Il silenzio e avere la mente libera da ogni tipo di pensiero sono le condizioni migliori per mettersi in preghiera. Tu quando cerchi di trovare queste condizioni nella tua giornata? Quando sarebbe più facile?

In breve

Puoi rivolgerti al Signore in qualunque modo e in ogni momento. Ma non c’è condizione più favorevole alla preghiera che il silenzio e avere la mente libera da ogni pensiero. In che momento della giornata puoi trovare queste condizioni per pregare?


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto: La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS
e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 13 Gennaio 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 13 Gennaio 2021