don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2022

67

- Pubblicità -

“Quanto volete darmi perchè ve lo consegni?”

Giuda è deluso dall’agire di Gesù perchè non opera secondo le sue aspettative. Ma Giuda, a motivo di ciò, non fa una verifica del suo percorso di discepolato, del suo sì a Gesù, forse perchè un discepolato non c’è mai stato. Giuda ha detto sì a se stesso, alle sue attese e Gesù era uno strumento per realizzarle. Quando ha capito che “lo strumento” non lo avrebbe aiutato a realizzare quanto si aspettava, allora facilmente ha potuto disfarsene.

Giuda non si è preoccupato della relazione con Gesù, del tempo trascorso insieme, dell’investimento emotivo e affettivo in cui anche egli stesso si è coinvolto. Per trenta denari Giuda ha venduto anche se stesso, il suo passato, la sua identità che si era costruita al seguito di Gesù. Un’identità ferita perchè scissa tra aspettative e realtà, dove però ha prevalso più l’utopia del futuro che la prospettiva di correggere e sanare il presente, la relazione con Gesù, seppur vissuta in modo ambiguo e conflittuale.

Gesù gli ha aperto la strada per riconciliarsi con se stesso e recuperare la loro relazione: l’ha chiamato amico. Ma quando Giuda ha capito che era quella la via giusta, il suo “amico” era già stato condannato a morte, quella relazione gli appariva quindi irrecuperabile e con essa insanabile anche quel conflitto interiore che da anni si portava dentro.

In breve

Gesù ti chiama “Amico”: riconcilia il tuo presente con il tuo futuro. Con la sua grazia ti aiuta ad accogliere il presente, ad accettarlo e amarlo e ti dona la speranza di costruire l’avvenire su quello che è bene per te.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2022
Articolo successivodon Alessandro Farano – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2022