don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 12 Novembre 2021

60

“In quel giorno”

Il giorno in cui il Signore si manifesterà comincerà come tutti gli altri giorni della settimana. Non ci sarà nulla di diverso che permetterà di prevederne l’arrivo (se non qualche segno particolare, se la misericordia di Dio vorrà concederlo). Dunque più che immaginarne l’arrivo aspettandolo in modo indefinito e lontano, si potrebbe invertire la prospettiva. Oggi si presenta proprio uguale a quel giorno. E se fosse proprio oggi, come lo comincerei? Come continuerei a viverlo?

Forse mi lascerei meno distrarre da tante cose sapendo che è solo una questione di ore al ritorno del Signore. Una volta un colpo di vento ha fatto sbattere una porta all’improvviso, quasi spaventandomi, mentre ero concentrato nel mio lavoro. E mi sono detto: se l’arrivo del Signore giungesse così? Sarebbe molto più improvviso di un terremoto o di un fulmine. Davvero non avrei il tempo di prepararmi. Tutto si consumerebbe in un istante, senza nemmeno avere il tempo di prenderne coscienza. Allora bisogna prepararsi prima. Stare pronti. Pensare quel giorno lontano e indefinito vuol dire presentarsi impreparati alla sua manifestazione.

In breve

Il giorno della manifestazione del Signore non sarà molto diverso da come stai iniziando questa giornata. Come sceglieresti di viverla sapendo che oggi sarà il giorno del Signore?


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 12 Novembre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 12 Novembre 2021