don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2022

54

- Pubblicità -

“Un inviato non è più grande di chi lo ha mandato”

A volte si attacca la Chiesa esigendo da essa un aggiornamento ai nuovi tempi, alle nuove mode, alle nuove idee. Spesso la si critica per la lentezza nella sue decisioni o addirittura per la sua arretratezza nel modo di vedere la realtà. Tale critica nasce dall’idea, infondata, che la Chiesa sia essa stessa a capo del cristianesimo, della religione cristiana.

Si dimentica invece che la Chiesa è “l’inviato” a cui Gesù si riferisce nel Vangelo. Essa non ha il potere supremo di modificare a suo piacere i principi che disciplinano la vita cristiana. Alcune osservanze può cambiarle e mutarle a seconda del tempo e del contesto perchè sono di origine umana e vanno adeguate, ma ci sono dei punti fermi che non può alterare perchè appartengono a chi l’ha inviata, a Dio.

Per questo sbaglia chi (sia esso chierico, religioso o laico), pensando di precorrere i tempi della Chiesa, agisce contro di essa o diversamente da essa in qualsiasi ambito della vita cristiana (liturgia, sacramenti, carità, dottrina). In tal caso non svolgerebbe più il ruolo di inviato, ma si assumerebbe un ruolo addirittura più grande di chi lo ha mandato, abbandonando l’insegnamento stesso di Gesù.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2022