don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 12 Aprile 2021

52

“Rinascere dall’alto per vedere il regno di Dio”

Il Regno di Dio è già presente nella nostra quotidianità, ma per percepirlo è necessario nascere dall’alto, altrimenti si rischia di confondere con la stessa realtà. Se due persone si prendono per mano posso facilmente intuire che ci sia un legame tra loro, eppure di per sè quel gesto è solo una mano nell’altra. Ma posso comprendere quel gesto solo se nella mia mente ho appreso il suo significato, ciò a cui rimanda al di là di quello che immediatamente è visibile.

Rinascere dall’alto vuol dire formare la propria mente e il proprio sentire in modo da porsi sempre nella condizione di interrogarsi sul modo con cui Dio si fa presente nella propria vita, in che direzione la sta guidando, quali prove sta chiedendo di affrontare e soprattutto, imparare a porsi in un atteggiamento di fiducia e di abbandono. Se tieni fissa l’attenzione sulle dinamiche del Regno di Dio nella tua quotidianità, attraverso la preghiera quotidiana, allora le altre dinamiche umane e quotidiane ti sembreranno meno invadenti e disorientanti. Potrai più facilmente mantenere il tuo spirito sereno e nella pace.

In breve

Per vedere il Regno di Dio devi continuamente metterti dinanzi alla presenza di Dio. In questo modo saprai andare al di là delle dinamiche umane e vedere come il Signore agisce silenziosamente nella tua quotidianità.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 12 Aprile 2021
Articolo successivoMartín Luque – Commento al Vangelo del 12 Aprile 2021