don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 11 Settembre 2021

59

“La bocca esprime ciò che dal cuore sovrabbonda”

È il cuore che parla, non la bocca. La bocca manifesta non solo quello che c’è nel cuore, ma quello che dal cuore sovrabbonda. Ovvero ciò che nel cuore si trova in misura maggiore. Le nostre parole sono già la prima opera di bene che doniamo agli altri. Esse sono lo specchio del nostro cuore. Esaminando le nostre parole possiamo comprendere quello che nel nostro cuore si trova in misura maggiore.

Quale tema hanno i tuoi argomenti o qual è l’oggetto che occupa i tuoi ragionamenti più segreti? Le parole non solo permettono di rivelare a chi ci ascolta la nostra interiorità, ma permettono di guardare anche quella degli altri. Se a volte non riesci a vedere nella profondità del tuo cuore, chiediti cosa comunichi con il tuo parlare e arriverai a te stesso.

In breve

Dio ha voluto fare dono della parola all’uomo, affinchè come Lui, con la sua parola, ha creato il mondo, anche l’uomo, con la sua parola, può edificare il mondo nel bene.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 11 Settembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 11 Settembre 2021