don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 11 Ottobre 2019

355

“Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito”

Gesù dice che lo Spirito impuro non si rassegna di essere stato allontanato dal cuore dell’uomo che, pentendosi dei suoi peccati, si è riconciliato con Dio e si trova di nuovo a vivere nella sua grazia. Lo Spirito cerca dunque di ritornare nel cuore dell’uomo, di sedurlo nuovamente, di tentarlo ancora affinchè possa riprendere la sua dimora. Ma torna in modo più violento, più persuasivo, più tenace.

Se tu dopo aver ricevuto la grazia di Dio non sei pronto a lottare in modo più forte contro le tentazioni, soprattutto contro quelle più frequenti che toccano le tue debolezze, come puoi pretendere di superarle? Non puoi ritornare a comportarti nello stesso modo e pensare allo stesso tempo di rimanere fedele e integro nel tuo proponimento. Se lo Spirito impuro ritorna in modo più forte tu devi prepararti a lottarlo meglio “dell’ultima volta”, in modo più deciso e custodendo una comunione più grande con il Signore. È così che poco a poco la tentazione si va indebolendo e riuscirai a superarla sempre più agilmente.

In breve

Non lasciarti ingannare dalla pace apparente che il maligno ti dà dalle sue tentazioni. Tornerà più forte e se non vigili, non custodisci la comunione con Dio, e non ti prepari a lottarlo in modo più deciso, ti troverà impreparato e ti vincerà ancora una volta, fino a farti credere di non poterlo mai vincere davvero.