don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 11 Luglio 2021

37

“Gesù dava ai dodici il potere sugli spiriti impuri”

Gesù invia i dodici a due a due e per poter svolgere al meglio la missione che gli affida dà delle indicazioni ben precise sul modo di vestire e sull’equipaggiamento da avere per il viaggio. Ma non si ferma solo a dare dei consigli. Il primo equipaggiamento per la missione è di natura spirituale ed è Gesù stesso a darlo. Dà loro potere sugli spiriti impuri.

Qualunque sia la missione e la vocazione a cui Gesù ci ha chiamato non ci lascia dunque sprovvisti della necessaria assistenza spirituale, anzi è Lui stesso a fornircela prima ancora di ogni altro requisito umano necessario per assolvere il nostro compito. Per poter esercitare però al meglio i doni spirituali che Dio ci affida, è importante non perdere sia la comunione con Lui, sia il senso della nostra missione. L’una non può mantenersi senza l’altra e l’una si rafforza intensificando l’altra. Non affannarti solo per procurarti gli strumenti materiali per svolgere la tua vocazione, ma ricordati che hai già dei doni spirituali che Dio ti ha dato per esercitarla al meglio. Custodisci e coltiva anche quelli.

In breve

Prima di affidarti qualunque missione nella Chiesa e nel Mondo è Dio stesso che si preoccupa che tu possa avere i doni spirituali necessari per poterla adempiere. Abbine cura e coltivali insieme agli strumenti umani che la tua missione richiede.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 11 Luglio 2021
Articolo successivoJuan Luis Caballero – Commento al Vangelo del 11 Giugno 2021