don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 10 Settembre 2021

62

“«Può forse un cieco guidare un altro cieco?”

L’immagine utilizzata da Gesù è molto eloquente. Difficilmente chi vive un problema può farsi aiutare da qualcuno che sta attraversando la stessa difficoltà. Se nessuno dei due è riuscito a superarlo, difficilmente insieme troveranno la via giusta da percorrere per uscirne fuori. Anzi c’è il rischio che entrambi si condizioneranno a vicenda fino al punto da non trovare più una soluzione ragionevole ed equilibrata. Per questo quanto affronti una difficoltà non parlare solo con chi la pensa come te.

Confrontati con chi, pur stando dalla tua parte, è capace di aiutarti a guardare le cose in modo diverso e può controbattere alle tue convinzioni più radicali. Ti metterai in cerca della verità solo se accetti di metterti in dubbio. Diversamente, proprio come un cieco, percorrerai l’unica strada che le convinzioni o le sensazioni del momento ti indurranno a seguire.

In breve

È cieco colui chi si lascia guidare solo dalle convinzioni e dalle sensazioni di un determinato momento della sua vita, senza confrontarsi con chi può aiutarlo a guardare la situazione in modo diverso.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Settembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 10 Settembre 2021