don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 10 Ottobre 2021

62

“Tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza”

L’uomo del vangelo ha un “curriculum” morale quasi perfetto. Sin dalla sua infanzia si comporta rettamente secondo le prescrizioni della legge ebraica. Ama il prossimo, e vive le dinamiche verso gli altri secondo giustizia. Eppure è capace di guardare ad “un di più”, avverte nel cuore la necessità di dare una pienezza maggiore alla sua vita. Medita sulla vita eterna e intuisce che per conseguirla potrebbe mancargli ancora qualcosa. Quel bene che fa da sempre, lo riscontra insufficiente e incompleto.

È così che avviene quando si compie il bene. Si avverte un benessere interiore e si sente il desiderio di realizzare una misura di esso sempre maggiore. Non temere i contrasti che puoi incontrare nel realizzare il bene, così come cercheresti di superare le difficoltà per compiere quello che ti piace.

In breve

Fare del bene porta in sè il desiderio di compierne sempre di più, anche davanti ai possibili ostacoli. Non fermarti davanti alle prove, ma custodisci in te il desiderio del bene che puoi ancora fare.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Ottobre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 10 Ottobre 2021