don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 10 Novembre 2021

58

“Non ne sono stati purificati dieci?”

Gesù è benevolo verso i dieci lebbrosi e accondiscende alla loro richiesta di guarigione. Ma di questi solo uno torna a ringraziarlo. Gesù domanda allora perchè sia tornato indietro solo uno di loro a rendere gloria a Dio e non tutti quanti. Si può dire che Gesù porti il conto di tutto il bene che dispensa quotidianamente su ciascuno di noi e questo bene non lo dimentica.

Ma il fine per cui si ricorda di questo bene non è per ricevere dei ringraziamenti, come potrebbe sembrare. Gesù elargisce del bene verso di noi perchè vuole condurci a lodare Dio, a riconoscere che esiste e ci ama e si prende cura di noi. Diventare consapevoli di questo può cambiare realmente il modo in cui affrontiamo le nostre giornate e le nostre attività quotidiane.

Gesù allora ricorda tutti gli aiuti che nella nostra vita ci ha fornito per avvicinarci a questa grande consapevolezza. Non è un “grazie” che azzera il debito d’amore verso Dio, ma è il riconoscere che Lui si prende cura di noi che ricolma il cuore di Dio. È questo che Lui desidera più di ogni cosa.
Tu prova a contare in questa giornata tutte le occasioni in cui puoi tornare a lodare Dio per il bene che ha riversato su di te.

In breve

Quando lodi Dio, riempi il Suo cuore. Perchè vuol dire che prendi consapevolezza del bene che Egli continuamente riversa su di te e di quanto abbia a cuore la tua vita.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 10 Novembre 2021
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 10 Novembre 2021