don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022

42

- Pubblicità -

“Ve l’ho detto, e non credete”

Quante affermazioni sul Regno di Dio, sulla vita eterna, sull’amore di Dio ci sono nel Vangelo. A quante catechesi o incontri  abbiamo assistito in cui ci hanno spiegato la nostra fede. Eppure non sempre ascoltare tutto ciò è stato sufficiente per credere. I dubbi, i momenti di sofferenza tante volte rischiano di mettere in discussione tutto quello che abbiamo ascoltato.

A volte anche i segni evidenti non sono sufficienti a convincerci. Questo avviene perché non è sufficiente ascoltare, nemmeno vedere dei segni. Per credere bisogna mettere in pratica quanto ascoltato. Se vuoi sperimentare quanto sia vero quanto è scritto nel vangelo non devi ragionarci su.

Devi cominciare a viverlo. Solo così potrai valutare l’affidabilità della Parola di Dio. È proprio nel dubbio che devi affidarti ancora di più alla parola di Dio.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022