don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 10 Giugno 2021

51

“Va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello”

Gesù presenta un’idea diversa di giustizia rispetto a quella praticata da scribi e farisei. Richiede un’osservanza più minuziosa e radicale dei comandamenti. Questa esigenza ad un primo aspetto può sembrare addirittura eccessiva e difficile da praticare, ma in realtà è proprio ciò che li rende vivi e concreti. Sarebbe ben facile infatti fermarsi a dire “non ho ucciso nessuno” e illudersi di aver ottemperato al precetto divino. Invece chi di noi può considerarsi esente dall’aver offeso in qualche circostanza un fratello, o dal trovarsi in contrasto o in discordia con qualcuno?

Gesù non aggrava l’osservanza dei comandamenti, ma aiuta a capire fin dove può arrivare la loro interpretazione o, in altri termini, quanto la fede tocchi gesti e comportamenti concreti e quotidiani. Se non sottoponi questi atteggiamenti al vaglio dei comandamenti, facilmente la tua fede rischia di essere sterile, vuota e formale.

In breve

L’osservanza minuziosa dei comandamenti richiesta da Gesù, non rende più gravoso vivere la fede, ma è proprio quanto impedisce di vivere una fede sterile, vuota e formale.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedentedon Mauro Leonardi – Commento (e poesia) al Vangelo del giorno, 10 Giugno 2021
Articolo successivodon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 10 Giugno 2021