don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 10 Giugno 2020

176

“Chi osserverà uno solo di questi minimi precetti”

Agli occhi di una persona pratica o di una superficiale non sempre i dettagli hanno valore. Ciò che conta è anzitutto il fine. Per un perfezionista ed uno attento ai dettagli sono importanti tutti gli aspetti, anche quelli apparentemente secondari. Se Gesù indica di osservare anche i “minimi” precetti ciò vuol dire che non sono di secondaria importanza, anzi proprio dalla misura della loro osservanza dipende un maggiore grado di conseguimento della vita eterna.

Questi precetti quindi non si possono separare dagli altri, ma appartengono a tutti gli insegnamenti necessari per vivere e testimoniare il Regno di Dio. Quando distingui gli insegnamenti della vita cristiana e indichi quelli più “grandi” per discolparti o giustificarti dall’inosservanza dei “minimi” (es. non ho ucciso nessuno), allora strappi il tessuto unitario che li avvolge, spegni la voce dello Spirito di Dio che ti invita a viverli nella loro integrità, disobbedisci alle indicazioni di vita date da Gesù. Tu a volte metti da parte dei minimi precetti? Quali?

In breve

La vita cristiana è un tessuto le cui fibre sono tutti gli insegnamenti del vangelo. Se le separi per tipo, per colore o spessore, se le dividi tra maggiori e minori, strappi il tessuto e non ti vesti più da cristiano.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli