don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 1 Settembre 2021

68

“Anche alle altre città”

Le folle cercavano di trattenere Gesù perchè non andasse via. Ma Lui ribadisce che deve recarsi in altra città a motivo della sua missione. Chi evangelizza non può mai rimanere fermo nello stesso posto, con le stesse persone, perchè è il vangelo stesso che lo richiede. Evangelizzare porta ad essere aperti agli altri, a tutte le culture, agli uomini e alla donne di tutto il mondo. E anche se sei in famiglia o in parrocchia, se sei chiamato a vivere nello stesso luogo, quando annunci il vangelo non sei ugualmente mai fermo.

Ti trovi ad incontrare ora il tuo vicino, ora un ammalato, ora un parente, ora un amico in difficoltà. Non sei mai con le stesse persone o chiuso nel tuo gruppo di amici, perchè il Signore ti chiede di farti presente laddove c’è bisogno della sua Parola, o conduce a te quelli a cui vuole che tu l’annunci. Quando annunci il vangelo sei sempre in cammino.

In breve

L’annuncio del Vangelo ti porta ad essere in cammino, ovunque ci sia qualcuno che ha bisogno che tu annunci la Parola di Dio.


Di don Vincenzo Marinelli anche i libretti de La Buona Novella per Avvento-Natale, Quaresima e Tempo Pasquale disponibili su: AMAZON | IBS e su https://www.cognitoforms.com/LaBuonaNovella1/libri

TelegramInstagram | Facebook | Youtube

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 1 Settembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 1 Settembre 2021