don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 1 Novembre 2020

106

“Beati”

Ad ogni beatitudine del vangelo corrisponde sia un sacrificio che una ricompensa. Il sacrificio di essere miti, misericordiosi, puri di cuore etc.. Spesso però quando c’è da sacrificarsi è difficile sentirsi beati, ancor più aspettare la ricompensa, soprattutto quando non è immediata e materiale. In questa prospettiva non può nascere alcun desiderio di conseguire le beatitudine evangeliche e pertanto si rischia di esercitarle in modo sporadico e occasionale. Attuarle sembra troppo duro e faticoso se nel proprio cuore manca l’amore per il Signore. È questo che le rende desiderabili, dolci e piacevoli. Chi ama non sopporta di stare molto tempo lontano dalla persona che ama, ma stargli vicino. E in questa vicinanza o finisce con l’assomigliargli o si comporta in modo da fargli piacere, per rendere lo stare insieme ancora più intenso e gradevole. Le beatitudini sono l’espressione della propria vicinanza a Dio per cui o le pratichiamo per piacerGli o perchè, standoGli vicino, impariamo ad essere più simili a Lui. Di un uomo si dice che sia un santo proprio quando comunica Dio, il suo modo di fare lo rende più simile a Lui o avvicina Dio un pò più a noi. La festa di tutti i Santi ci induce a desiderare la Santità, ad avvicinarci di più a Dio, e con la nostra vita renderlo più vicino agli uomini.

In breve

Non c’è altro percorso per la santità che quello di avvicinarsi di più a Dio, di imitarlo e in tal modo di renderlo più vicino agli uomini attraverso di te.


Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

Commento a cura di don Vincenzo Marinelli