don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 1 Gennaio 2020

442

“Gli fu messo nome Gesù”

Maria fu la prima ad aver ascoltato il nome “Gesù” dall’angelo. Lei da quel momento ha cominciato ad “imparare” la maternità. Non si nasce madri, ma lo si diventa. La maternità è un apprendistato che comincia dal concepimento e non è mai scontato. Ogni gravidanza, ogni figlio che nasce è diverso e aggiunge qualcosa in più alla propria maternità. Non si finisce mai di essere madri. Ma non sempre avere un figlio è sinonimo di maternità. Madre è anzitutto colei che genera. E la generazione non vuol dire solo dare biologicamente alla luce, vuol dire far crescere, prendersi cura.

È per questo che Maria è Madre di Dio e madre nostra, madre universale di tutti gli uomini. Generando Gesù, il figlio di Dio, ha ricevuto come figli tutti gli uomini e pertanto ha ereditato il compito di farli crescere, di prendersene cura, affinchè assomiglino a Cristo. La sua maternità è divenuta universale perchè la cura di ogni figlio ha accresciuto il suo essere madre. Nessuna donna può essere madre più della vergine Maria. Non solo per la grazia unica che Dio le ha concesso, ma per l’amore che lei personalmente ha esercitato nell’accogliere e nel prendersi cura della diversità e dell’unicità di ogni suo figlio.

In breve

La maternità di Maria è universale sia per un dono esclusivo di Dio, sia per l’amore con cui Lei si prende cura di ogni uomo. Sii sempre fiducioso nella protezione della Mamma celeste

Commento tratto dal nuovo libretto di don Vincenzo Marinelli intitolato:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale

E un’iniziativa che nasce per tutti coloro che desiderano vivere un contatto giornaliero con la Parola di Dio e trovare il benessere interiore. Quotidianamente offre una riflessione del Vangelo breve ed essenziale, che parli al cuore. Un strumento per tutti coloro che nonostante la frenesia e gli impegni quotidiani non vogliono rinunciare a meditare quanto il Signore comunica attraverso la Sua Parola. Già presente dal 2014 su diversi canali social, adesso è disponibile anche in forma cartacea e digitale in questa raccolta di riflessioni per l’Avvento e il Natale.

Disponibile su:

AMAZON | IBS


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Letture della
MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO
Colore liturgico: BIANCO

Prima Lettura

Porranno il mio nome sugli Israeliti, e io li benedirò.

Dal libro dei Numeri
Nm 6, 22-27

Il Signore parlò a Mosè e disse: «Parla ad Aronne e ai suoi figli dicendo: Così benedirete gli Israeliti: direte loro: Ti benedica il Signore e ti custodisca. Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia. Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace. Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò».

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 66 (67)

R. Dio abbia pietà di noi e ci benedica.

Dio abbia pietà di noi e ci benedica,
su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via,
la tua salvezza fra tutte le genti. R.

Gioiscano le nazioni e si rallegrino,
perché tu giudichi i popoli con rettitudine,
governi le nazioni sulla terra. R.

Ti lodino i popoli, o Dio,
ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio e lo temano
tutti i confini della terra. R.

Seconda Lettura

Dio mandò il suo Figlio, nato da donna.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati
Gal 4,4-7

Fratelli, quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli. E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: Abbà! Padre! Quindi non sei più schiavo, ma figlio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio.

Parola di Dio

Vangelo

I pastori trovarono Maria e Giuseppe e il bambino. Dopo otto giorni gli fu messo nome Gesù.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 2,16-21

In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Parola del Signore