don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 1 Febbraio 2020

479

Perchè avete paura?”

La paura è una delle emozioni primarie, è connaturale all’uomo ed è indispensabile perchè per mezzo di essa si possono fuggire i pericoli in modo più rapido, saltando o velocizzando una serie di processi logici. La paura è un dono di Dio perchè Egli stesso l’ha impressa nella natura umana. A volte però la paura diventa devastante, quasi una minaccia alla stessa vita. L’uomo se pensa a tutti i pericoli presenti e futuri che lo circondano rischia di vivere nel panico, di trasformare ogni attimo di vita in paura di qualcosa o di qualcuno.

È per questo che Gesù nel vangelo oppone la paura alla fede. I discepoli, tra le onde del mare in tempesta, temevano per la loro vita. Si sentivano perduti. Da cosa nascono le tue paure? Cosa fai quando ti senti perso, senza il controllo della situazione? Fai appello alla fede in questi momenti? La fede ti dona la certezza che, anche se non hai il controllo della situazione, non rimani abbandonato a te stesso, ma il Signore veglia su di te ed è pronto ad intervenire.

In breve

Nei momenti in cui non hai il controllo della situazione, non abbandonarti alla paura, ma con la fede confida nel Signore che ti aiuterà ad affrontare ogni pericolo.

Di don Vincenzo Marinelli anche il libretto:

La buona novella. Riflessioni per l’Avvento e il Natale disponibile su: AMAZON | IBS

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Chi è costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?
Dal Vangelo secondo Marco Mc 4, 35-41 In quel medesimo giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui. Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?». Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, càlmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?». E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?». Parola del Signore