don Umberto Guerriero – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2022

58

A volte ritornano… e ne faremmo volentieri a meno! 

Di tanto in tanto si ripresenta un po’ per tutti l’esigenza di voltare pagina, di mettere un punto a certe situazioni, di gettarsi il passato alle spalle e intraprendere strade nuove, senza più sentirsi gravati dei soliti pesi che inevitabilmente finiscono per condizionare  il nostro andare.

E invece ci ritroviamo troppo spesso a dover fare i conti con gli stessi problemi e i consueti affanni, con quegli ostacoli che credevamo di aver ormai superato, con paure, frustrazioni e insicurezze che pensavamo di aver sconfitto una volta per tutte e che invece, puntualmente, ritornano.

Ci sembra di essere finiti in un vicolo cieco da cui pare impossibile uscire, dentro ad un loop che si ripete all’infinito. E, come un cane che si morde la coda, più ci agitiamo e più ci ritroviamo in affanno. 

A che serve allora ripartire, continuare a provare, se poi tutto si ripete stancamente, se i peggiori “casini” della nostra vita si ripresentano in un drammatico “eterno ritorno”, se tutto ci appare buio e non riusciamo proprio a intravedere la luce in fondo al tunnel, se i cerchi perfetti che abbiamo cercato di tracciare si sono trasformati in circoli viziosi? 

Ci verrebbe da gettare la spugna… ma proprio quando noi non avremmo più alcuna voglia di lottare, quando la nostra più grande aspirazione sarebbe quella che tutto termini il più in fretta possibile e vorremmo porre fine a questo stillicidio, ecco che “la luce vera viene nel mondo”, Dio interviene per fare un po’ di chiarezza.

Non soltanto ci ricorda che c’è un principio che è non soltanto origine ma, allo stesso tempo, fondamento di una storia che è mia, è tua… che ci attraversa e ci coinvolge, in cui nessuno è lasciato ai margini, ma tutti si riscoprono co-protagonisti.

Egli fa di più: ci indica un fine, un orizzonte di senso, una meta. Dona una direzione a questa nostra storia, a quella di ciascuno, perché smetta di arrovellarsi su se stessa e si dispieghi finalmente verso il suo pieno compimento. 

Anche nella notte più buia, quella in cui sembrano spente tutte le stelle, resta accesa una luce che brilla nelle tenebre. Sta a noi accoglierla per scoprire che Egli ha scelto di porre la sua dimora in mezzo a noi, che c’è sempre una mano tesa da afferrare quando siamo caduti, per smettere di pensarci orfani e riconoscerci figli… amati! 

E se ti perdi nel buio e non trovi la luce
Vieni a chiedermi aiuto
Sono sempre qui, sono qui con te
E quando fuori fa buio 
segui sempre la luna
Esci fuori dal loop
Io son sempre qui, qui vicino a te, 
qui vicino a te

PERSO NEL BUIO
Sangiovanni, Madame


AUTORE: don Umberto Guerriero
FONTE: #Vangeloasquarciagola (canale Telegram) – Sito

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2022