don Umberto Guerriero – Commento al Vangelo del 26 Aprile 2021

182

 

Siamo spesso abituati a porte sbattute in faccia o chiuse a doppia mandata. Ci siamo sentiti fin troppe volte tagliati fuori, esclusi da tutto e da tutti. Costretti a mendicare briciole di comprensione e di affetto da chi non era capace di fare spazio per lasciarci entrare nella sua casa. 

Proprio per questo ci consola e, allo stesso tempo, ci sorprende scoprire che c’è qualcuno che ci chiama per nome e si prende cura di noi. 

Gesù si presenta come la porta attraverso cui siamo invitati a passare per trovare vita in abbondanza. 

Un spiraglio sempre aperto anche quando ogni altra strada ci sembra preclusa, quando ogni cammino sembra essere interrotto. Per quanto numerosi possano essere stati i tentativi andati a vuoto e le occasioni sprecate, nulla è ancora perduto perché Egli si offre a noi come via d’uscita dai nostri fallimenti. 

Una soglia da attraversare per trovare il coraggio di compiere quei passi che abbiamo rimandato per troppo tempo, per ritrovare fiducia ed entusiasmo, per far ripartire ciò che si era interrotto, ricucire rapporti che avevano subito dolorosi strappi, tendere la mano a chi sembrava essere ormai troppo distante. 

Uno squarcio tra le nuvole che avvicina la terra al cielo e ci dona la certezza di non essere mai soli e abbandonati “in questa valle di lacrime”, ma sempre accompagnati da uno sguardo amorevole e benedicente. 

Un passaggio obbligato, perché Lui soltanto è la via che conduce al Padre, l’unica direzione possibile per raggiungere la meta della pienezza, della gioia vera.

Perché a volte una porta
può sembrarti una svolta
TRATTENGO IL FIATO – EMMA


AUTORE: don Umberto Guerriero
FONTE: #Vangeloasquarciagola (canale Telegram) – Sito

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 26 Aprile 2021
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 26 Aprile 2021