don Umberto Guerriero – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2021

86

 

Ci sono momenti che aspettiamo da tutta una vita, che speriamo arrivino quanto prima, e altri invece che vorremmo continuare rimandare in eterno. 

Ci sono occasioni fondamentali, per certi versi decisive, quelle in cui sembrerebbe possibile dare una svolta a un’intera esistenza, in un verso o nell’altro… eppure la sensazione più comune è probabilmente quella di arrivare sempre impreparati a certi appuntamenti. 

Forse preferiremmo non giungesse mai la nostra “ora”, quella in cui scendere in campo per giocare la partita della vita, spendere tutte le nostre energie e dare fondo a tutte le nostre risorse, senza risparmiarsi. Il solo pensiero ci mette in ansia. Per noi non è mai il momento giusto, meglio tergiversare o battere in ritirata. 

Gesù invece è animato da ben altri sentimenti, conosce un’ansia che è diametralmente opposta alla nostra. “Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!” (Lc 12,50). 

Mentre noi ci preoccupiamo di metterci al riparo, Gesù desidera esporsi; mentre noi cerchiamo di preservarci e difenderci, Gesù ha fretta di donarsi e consumarsi per amore. L’ora giusta per Gesù è quella decisiva, quella in cui si compie il senso della sua esistenza. È l’ora del passaggio, della sua Pasqua, quella che non esiste senza la croce. Pare addirittura che per Lui sia proprio su quella croce che si compie la sua glorificazione. 

È il momento più importante della sua vita, il culmine di tutto, e lui non ha alcuna intenzione di sottrarsi. Non lo farà, nonostante la fatica, e il dono di sé diventerà principio di vita immortale per tutti. 

Guardando al suo a Figlio crocifisso, il Padre conceda anche a noi di poter vivere la nostra “ora”, quella che si compie giorno dopo giorno nei momenti in cui siamo chiamati ad amare di più, a non risparmarci, a donarci senza riserve.

Ed in qualunque sera ti troverai
Non ti buttare via…
E non lasciare andare un giorno
Per ritrovar te stesso
Figlio di un cielo così bello
Perché la vita è adesso
è adesso

LA VITA È ADESSO – CLAUDIO BAGLIONI 


AUTORE: don Umberto Guerriero
FONTE: #Vangeloasquarciagola (canale Telegram) – Sito

Articolo precedenteCommento a Deuteronomio 25-28 (Dt 25-28)
Articolo successivoDon Fabrizio Moscato – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2021