don Umberto Guerriero – Commento al Vangelo del 14 Aprile 2021

196

Non basta che il sole sorga perché un nuovo giorno inizi per tutti. Qualcuno potrebbe scegliere di restarsene a letto, con la testa nascosta sotto il cuscino. Senza aprire porte e finestre, senza alzare le tapparelle potremmo avere persino l’impressione che sia ancora notte… e forse c’è chi potrebbe sentirsi sollevato dal poter restare al buio ancora un po’. 

A volte l’uomo preferisce le tenebre alla luce per agire indisturbato, perché non vengano svelati i segreti più nascosti del cuore, gli inganni e le bugie. Spesso è la paura che ci spinge a fuggire la luce e a trovare rifugio nell’oscurità, perché nessuno veda le ferite e gli affanni, i tormenti e le contraddizioni, le ipocrisie e le meschinità. Ma la vera Luce viene nel mondo per amare, non per condannare. 

Ti capiterà di dover camminare nel buio, ma non lasciare che il buio cammini dentro di te. Continua il tuo viaggio, un passo alla volta; non cedere alla fatica, non arrenderti se dovessi inciampare o cadere. Non lasciarti sedurre dalle ombre della notte, non permettere che ti raccontino menzogne, che ti facciano credere che appartieni alle tenebre. Non è così, tu sei “figlio della Luce”! 

Non conta quanto lontana sia la meta; ciò che conta davvero è la direzione che hai scelto. Come Nicodemo, nella notte, vai incontro alla luce. Spalanca le finestre del tuo cuore, apri le porte della tua vita. Il sole è già alto all’orizzonte, non lo vedi? 

Si lo so che non c’è luce in una stanza quando manca il sole
CON TE PARTIRÒ – ANDREA BOCELLI


AUTORE: don Umberto Guerriero
FONTE: #Vangeloasquarciagola (canale Telegram) – Sito

Articolo precedenteMartín Luque – Commento al Vangelo del 14 Aprile 2021
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 18 Aprile 2021