don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo di oggi 30 Luglio 2019

535

Prima della fine non chiamare nessuno beato (Sir 11,28)

Martedì della XVII settimana del Tempo Ordinario(Anno dispari)

La parabola del seme buono e della zizzania verte sul dialogo tra il padrone del campo e i servi che, contrariamente a quello che pensavano di fare d’istinto, sono invitati ad intervenire dopo aver atteso il momento nel quale il bene e il male si rivelano per quello che sono. Solo allora si può fare una cernita. È dai frutti che si vede il se la pianta è buona o cattiva e il tempo della maturazione rivela la propria natura.

I frutti buoni sono generati da coloro che, pur trovandosi in contesti difficili, riescono a realizzare il bene che è in loro. Le opere cattive sono quelle che impediscono di realizzare il bene. Nella spiegazione richiesta dagli apostoli l’attenzione è posta proprio sui due tipi di seme cioè i figli del Regno e i figli del Maligno.

Nella parabola era sottesa la domanda di coloro che avevano abbracciato la fede e per questo soffrivano persecuzione: come mai siamo perseguitati e dobbiamo soffrire? La zizzania rappresenta ogni forma di ostacolo a vivere la fede. Nella spiegazione cambia il punto di vista di chi pone la domanda e di chi dà la risposta. Dal punto di vista di Dio tutto il mondo è il suo regno, cioè tutto è governato dal suo amore.

Tuttavia l’uomo non è schiacciato tra le due forze del bene e del male, ma è chiamato in ogni momento a scegliere di quale padre essere figlio, figlio di Dio o figlio del Maligno. Tale scelta si compie nei momenti del dolore che non sono una punizione di Dio, ma sono le situazioni che la vita stessa pone davanti a ciascuno.

La fede è l’esperienza nella quale ci si fa generare e rigenerare da Dio nella prova così da essere anche figli del “regno”, cioè della Chiesa. Come tali affrontano ogni problema con la pace interiore e con speranza e amorevolmente si prendono cura del campo loro affidato, sia esso la famiglia, la comunità, l’ambiente lavorativo, perché fruttifichi in comunione e fraternità.

Il figlio del Maligno invece è colui che vive il dolore come una colpa o come un’aggressione a cui reagisce con livore innescando dinamiche di lotte e contrapposizioni. Gli scandali, a cui accenna la spiegazione della parabola, sono gli atteggiamenti che ostacolano l’armonia e la carità fraterna, alimentando disaffezione e pregiudizi nei confronti della Chiesa.

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore!

Commento a cura di don Pasquale Giordano

FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Come si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 13, 36-43

In quel tempo, Gesù congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo».

Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!».

Parola del Signore.

1 commento

  1. Voglio complimentarmi con don Pasquale Giordano per le sue omelie, al Vangelo del giorno, molto accentrate alle tematiche della nostra vita quotidiana, narrateci da Gesù attraverso i Vangeli. La Fede, in Gesù Risorto, deve farci compagnia nel percorso della nostra vita terrena. Grazie per tutti gli insegnamenti che ci proponete, e buona giornata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.