don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo di oggi 17 Settembre 2019

2

La parola di Gesù restituisce la vita

Martedì della XXIV settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)

La scena descritta dall’evangelista Luca non è un semplice dato di cronaca ma è una parola di consolazione per quei cristiani che sperimentano il dramma di dover lasciare la propria città per emigrare. Il corteo funebre evoca il mesto cammino degli Israeliti che abbandonarono la propria terra per andare in esilio. I profeti piangono su Gerusalemme, la città santa, che, spogliata dei suoi abitanti, è come una sposa rimasta vedova e senza figli. Vedova perché sembra abbandonata da Dio e senza figli che le sono stati strappati via. 

Avvolte questa immagine desolante descrive alcune delle nostre comunità che si spopolano e delle chiese che si svuotano perché molti sono quelli che abbandonano. 

Gesù non è indifferente davanti a questa situazione; egli prova una grande compassione per la donna, simbolo della Chiesa, che la sofferenza del lutto ha invecchiato. A tutti coloro che, scoraggiati e demotivati, non sanno fare altro che piangere e lamentarsi continuando a compiere gesti rituali monotoni come le nenie funebri, Gesù dice: non piangere! 

Bisogna fermarsi come fanno i portatori e permettere a Gesù di rivolgere la sua parola a quelli che sembrano ormai morti alla comunità, i lontani ai quali pensiamo che non valga la pena far ascoltare la sua parola. 

“Ragazzo, io dico a te: alzati!”. Dovremmo recuperare la fiducia nella bontà ed efficacia della parola di Dio tale che possa toccare il cuore dei ragazzi che sono interpellati in prima persona. 

Le attività parrocchiali e oratoriali se sono privi di una profonda spiritualità, cioè se non diventano occasione d’incontro con il Signore, non riusciranno mai a fermare l’emorragia dei ragazzi che cercando altrove quello che dovrebbero trovare in Chiesa e si perdono. 

Permettiamo a Gesù di abitare le nostre case, diamogli la parola, offriamogli la possibilità di farsi conoscere e operare la guarigione del cuore.

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore!

Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Ragazzo, dico a te, àlzati!

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 7, 11-17

In quel tempo, Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla.
Quando fu vicino alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei.
Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: «Non piangere!». Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Ragazzo, dico a te, àlzati!». Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre.
Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: «Un grande profeta è sorto tra noi», e: «Dio ha visitato il suo popolo». Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante.

Parola del Signore