don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 8 Ottobre 2021

45
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Il dito di Dio, salvezza o rovina

Papa Francesco in Evangelii Gaudium enuncia un principio per il quale la realtà è superiore all’idea. In questa pagina evangelica abbiamo un esempio di come tale principio è sovvertito perché si pretende di modellare la realtà in base all’idea. L’idea è quella che Gesù è un accolito del demonio e che la sua azione missionaria è pericolosa perché mette in discussione strutture di potere che di religioso non hanno più nulla e di umano ancor di meno.

Chi accusa Gesù si sente vittimizzato dal suo comportamento, o meglio, ripete acriticamente le accuse montate ad arte dagli esperti della calunnia, della demonizzazione e della provocazione, i quali hanno a cuore, più che l’amore alla verità, la salvaguardia dei loro interessi particolari che vedono messi in discussione. Si scontrano due visioni, quella di chi punta il dito contro Gesù e quella incarnata dal Nazareno. C’è chi si preoccupa di occupare posti e difendere le posizioni acquisite, facendo ricorso ad ogni mezzo e confidando nelle armi, soprattutto quella della lingua, e chi, come Gesù, è impegnato in prima persona nella lotta contro il male per liberare l’uomo dalla schiavitù del peccato e dal dominio del demonio per edificare una comunità nuova che sia la “dimora della pace” dove abita stabilmente lo Spirito di Dio.

Il Regno di Dio è l’azione con la quale Gesù, come il buon Pastore, raccoglie in unità il suo gregge difendendolo dagli assalti dei lupi. Gesù è la vera vittima perché agli attacchi non risponde con violenza e con il male ma con la mitezza e la prudenza. L’innocenza di Gesù si manifesta con chiarezza non solamente perché non ha nessuna colpa da scontare ma soprattutto perché rifiuta la logica della ritorsione. Egli è il più forte perché sconfigge l’uomo che confida nella sua “lingua” che è l’arma con cui difendere i suoi loschi interessi.

Colui che si spaccia per vittima ma usa la parola come un’arma per offendere, invocando falsamente il diritto alla difesa, in realtà è un vittimista che ha scelto nei fatti di consacrarsi al demonio sposando le sue intenzioni e il suo modo di parlare. Egli non edifica nessuna casa comune, ma è un cattivo pastore che, distrutto interiormente dalle passioni ingannatrici, disperde il gregge che gli è stato affidato e di cui è parte.  

Signore Gesù, Pastore buono che col tuo corpo ti fai scudo e difesa del tuo gregge contro gli assalti del maligno, curi le ferite della pecora perduta causate dai rovi della malizia e dell’invidia nei quali è caduta e te ne fai carico per riportarla nell’ovile della comunità perché si inserisca sentendosi accolta e amata, liberami e guariscimi dalle passioni che fanno guerra allo Spirito Santo. Ti chiedo di restituirmi la dignità di figlio di Dio ogni qualvolta che, cedendo alle lusinghe del demonio, coltivo sentimenti di vendetta e propositi di male.

Con la forza della tua Parola espelli dal mio cuore l’egoismo e l’avidità, radice di ogni male, e semina la pace affinché possa portare frutti di comunione fraterna. Ti ringrazio per i dieci anni trascorsi in questa comunità, servendola come parroco, nei quali ho ricevuto tante benedizioni, tra le quali includo anche le umiliazioni, servite per purificare il mio cuore e renderlo specchio sempre più netto capace di riflettere il tuo amore di compassione e tenerezza.  

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 8 Ottobre 2021
Articolo successivoMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 8 Ottobre 2021