don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 8 Febbraio 2021

78
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Chi prega si salva, chi non prega si danna 

Anche quella traversata del lago, dopo l’euforia per il fatto di aver sfamato una folla intera con pochissimi pani e pesci, non è stata una passeggiata. I discepoli si sono misurati con le loro forze risultate impari davanti al vento forte che soffiava in senso contrario alla loro direzione di marcia vanificando i loro sforzi. Vedendo Gesù camminare sul mare mentre veniva verso di loro non lo hanno riconosciuto scambiandolo per un fantasma al punto di gridare più per la paura di lui che per la difficoltà causate dal vento. 

I discepoli, a cui è affidata la conduzione della barca della Chiesa, devono fare i conti con la loro durezza di cuore. Essi non hanno ancora maturato la necessaria docibilità, cioè la convinzione del dover sempre imparare, non solo da Gesù, ma anche dagli altri. Scesi dalla barca ricevono una lezione importantissima. La gente riconosce Gesù e gli va incontro, lo segue dovunque egli vada per presentargli i malati. La Chiesa si fa carico dei sofferenti per accompagnarli da Gesù. Non è forse questa la missione dei discepoli che non hanno la soluzione in tasca ma si fanno compagni di viaggio verso la speranza.

L’altro insegnamento viene dal desiderio dei malati, espresso chiaramente, di entrare in contatto con Gesù senza la presunzione ci afferrarlo. Essi lo attendono nelle piazze insieme con gli altri per dire che il desiderio dell’incontro non rimane nel segreto del cuore ma spinge a viverlo condividendolo con la comunità.  Il cuore dei discepoli è duro perché essi si sforzano principalmente di capire con la mente invece di lasciarsi toccare dagli eventi miracolosi compiuti da Gesù. Una fede vissuta solamente a livello cerebrale, escludendo i sensi e gli affetti, si sclerotizza. La fede nasce e cresce per contatto fisico, concreto, personale. Voler toccare Gesù significa unirsi a lui pur sapendo di essere indegni, Significa condividere con lui il male che ci fa soffrire. La preghiera è stare cuore a cuore con Dio, attraverso Gesù. è la preghiera che ci salva perché chi prega impara a vivere.

Signore Gesù, rendi più semplice la mia fede, meno complicata dagli sforzi di voler credere con la testa prima che con il cuore. La fede dei semplici mi aiuti a convincermi che imparare non significa necessariamente capire, ma lasciarsi toccare il cuore dalla tua parola e dai tuoi gesti d’amore. Anche io ti supplico come i malati di poterti toccare e gustare la bellezza di condividere con te gioie e preoccupazioni, speranze e paure senza lasciarmi scoraggiare se l’attesa si fa lunga. Non tornerò indietro, ma rimarrò sulla piazza, nella comunità, insieme con i fratelli e le sorelle, compagni di viaggio nella sofferenza e nella speranza, certo che il desiderio di vita nuova non andrà deluso.