don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 7 Novembre 2020

68
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Le chiavi del Paradiso

San Lorenzo, in quanto diacono della chiesa di Roma, si occupava dei poveri. Le autorità, pensando che avesse delle ricchezze da distribuire ai miseri, gli intimarono di darle a loro. San Lorenzo si presentò con un folto gruppo di poveri e disgraziati indicando in loro la sua ricchezza. Chi serve Dio considera preziosi i poveri perché Gesù si è fatto povero per arricchire noi della sua misericordia.

Come Cristo, anche i santi sono fedeli a coloro che il mondo non considera perché non hanno peso né suscitano interesse. Proprio perché perseveranti nell’amore ai poveri diventano affidabili nell’amministrare l’enorme ricchezza della misericordia di Dio. In questa terra viviamo la santità prendendoci cura dei piccoli, dei peccatori, dei miseri, di quelli che sono ridotti alla miseria morale.

Gesù ci chiede di avere attenzione a loro con la stessa precisione con la quale curiamo gli interessi materiali, e di preoccuparci del loro bene nella stessa maniera con la quale stiamo attenti ai particolari del nostro modo di apparire davanti agli altri. In questo modo i nostri amici saranno gli stessi di Dio i quali saranno pronti a ricambiare lo stesso trattamento che noi abbiamo riservato a loro. 

Amare e servire i poveri significa dare loro la chiave del paradiso perché quando arriverà il momento di lasciare la tenda essi ci spalanchino le porte delle dimore eterne.

Auguro a tutti una serena giornata e vi benedico di cuore!