don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 4 Febbraio 2021

50
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

La missione, cammino di libertà interiore e servizio all’umanità sofferente 

L’invio missionario dei Dodici è un’esperienza educativa come lo è l’Esodo, cammino di libertà per il popolo d’Israele. Nella notte in cui gli Israeliti avrebbero attraversato il Mar Rosso Dio ordina loro di celebrare per la prima volta il rito della Pasqua «con i sandali ai piedi e il bastone in mano».

Gesù non manda i discepoli a conquistare terre ma a salvare fratelli dalla schiavitù del peccato. Lo spirito con cui i Dodici devono andare in missione è lo stesso con il quale si celebra la Pasqua. La missione non è modo per autorealizzarsi o per misurare le proprie forze. Ma è un cammino di liberazione nel quale avanzare con la forza dello Spirito Santo per superare tutte le prove e gli ostacoli che la vita riserva. La missione è un itinerario sul quale avanzare nella virtù della fiducia e lasciarsi educare il cuore affinché, libero dall’avidità e dalla cupidigia, possa essere lo spazio interiore nel quale interiorizzare e fare propria la Parola di Dio. Per il viaggio non è necessario prendere o portare con sé qualcosa, ma semplicemente essere aperti alle sorprese di Dio.

Egli non garantisce il successo di ogni impresa e di trovare una casa accogliente in ogni luogo che si visita, ma sostiene la sua forza i missionari nella tristezza e nella solitudine perché avanzino senza lasciarsi scoraggiarsi dai fallimenti. Chi ha fiducia nel Signore impara ad essere felice con poco, ad essere grato di tutto e ad adattarsi a qualsiasi situazione senza pretese. Liberi dal pericolo dell’avidità, spogli di ogni ambizione personale i discepoli missionari sono portatori di una parola credibile che scaccia i demoni e guarisce gli infermi; non è la loro, ma quella di Dio. Si tratta della parola della comunione fraterna che usa il l’alfabeto della carità. Questo linguaggio non si impara comodamente seduti su un banco di scuola o sui libri, ma strada facendo sui sentieri dell’umanità.

Signore Gesù, col battesimo mi hai associato al tuo sacerdozio per fare della mia vita un’offerta gradita a Dio. Possa lasciarmi guidare sempre dalla tua Parola per purificare il mio cuore da ogni forma di cupidigia e renderlo aperto e disponibile a condividere gioie e fatiche con i compagni di viaggio che mi affidi e di cui devo imparare a fidarmi. Quando prevale in me l’orgoglio e la presunzione, donami la grazia di soffrire l’umiliazione perché le delusioni m’insegnino a cercare il tuo volto e a costruire con Te il regno di Dio.