don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 31 Marzo 2021

6
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Una vita barattata è una vita buttata 

Gesù sceglie la sera nella quale si consuma la cena pasquale per annunciare la sua Pasqua. È giunto il momento del compimento che avrà inizio con il tradimento e la consegna nelle mani dei capi dei sacerdoti con i quali Giuda aveva contrattato. Il tradimento di Giuda sembra essere la causa dell’epilogo finale della storia di Gesù. La scelta dell’Iscariota di consegnare il Maestro al suo destino di morte è dettata dall’avidità e dalla cupidigia.

Quante storie d’amore finiscono a causa di un tradimento e alla base c’è sempre la stessa ragione. Giuda non ha colto nel tempo del suo discepolato l’occasione per maturare umanamente insieme con Gesù e assimilare la logica dell’amore. Era nella comunità ma per fare i suoi interessi! Ha sfruttato fino alla fine la situazione fino al colpo grosso di vendere Gesù per trenta monete d’argento. Ma la storia della salvezza non è solo storia degli amori umani impossibili o falliti, ma è la storia di Dio che ama l’uomo a partire dai suoi tradimenti.

Il peccato non è la parola fine all’amore di Dio ma è la conclusione drammatica dell’amore malato dell’uomo. Il peccato ha una forza distruttiva e autodistruttiva. Ma colui che è venuto per i malati e non per i sani nel momento in cui annuncia il tradimento proclama anche la vittoria dell’amore sulla morte e sul peccato che la provoca. Il peccato ha delle conseguenze irreparabili e ciò che è scritto si compie; ma è anche vero che se credessimo veramente all’amore di Dio e ci arrendessimo ad esso, gli permetteremmo di farci rinascere dalle nostre macerie. 

Signore Gesù, vieni a fare Pasqua con me! Fai ancora Pasqua nelle case dove l’avidità e la cupidigia rubano spazio e tempo alla cura delle persone, dove il conflitto si consuma silenziosamente attraverso dispetti reciproci, dove la comunione è sostituita dalla competizione. La tua parola smascheri i miei pensieri segreti che preparano i tradimenti più infami. Donami la vergogna per i miei peccati, per la superficialità con cui tratto le persone come fossero pedine da muovere sulla scacchiera, per la mancanza di sensibilità nell’approcciarmi ai fratelli, per la poca disponibilità a rendermi partecipe dei loro problemi. Il tuo amore misericordioso mi ridia speranza di perdono quando i miei piccoli e grandi tradimenti mi gettano nella disperazione della colpa.