don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021

52
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

La chiamata di Dio e il richiamo della carne

Il programma di vita di Gesù è riassunto nelle parole del profeta Isaia che proclama nella sinagoga di Nazaret dinanzi ad una platea di parenti, amici e conoscenti. «Ora si è compiuta la parola che voi avete udito con i vostri orecchi». La Parola di Dio si compie quando chi l’ascolta e la proclama, l’accoglie con docilità e umiltà. Gesù sente rivolte a sé quelle parole profetiche: egli è il consacrato di Dio, cioè colui che, “impregnato” di Spirito Santo, gli appartiene totalmente ed è perciò inviato agli uomini per evangelizzare.

Gesù, Figlio di Dio in mezzo ai figli degli uomini, povero tra i poveri, è la Parola di Dio che dona gioia ai miseri, luce ai ciechi, libertà agli schiavi, dignità agli oppressi, consolazione e speranza agli sfiduciati. Proprio perché si è fatto povero Gesù si è lasciato plasmare dallo Spirito Santo che lo ha consacrato e lo ha inviato a evangelizzare. Le parole di grazia che escono dalle sue labbra non scaturiscono da una mente allenata allo studio sui testi ma dal suo cuore che continuamente si esercita a cercare il volto di Dio. La sapienza non è acquista in aule accademiche e sugellata da titoli di studio ma è attinta dalla vita di tutti i giorni, stando in mezzo alla gente e partecipando delle sue vicende tristi e liete, delle speranze e delle preoccupazioni dell’uomo comune. 

Parimenti il luogo in cui risuona il Vangelo, e ancora di più dove s’incarna nella storia, non sono le aule accademiche o i circoli in cui si parla di Dio, tuttavia senza neanche incontrarlo, ma in quei templi resi sacri dal Signore che si fa vicino agli afflitti e visita chi è nel dolore. In questi santuari Dio giunge con la delicatezza della rugiada che ristora l’affaticato e della luce dell’alba che annuncia alla sentinella l’avvento di un nuovo giorno.

Tutti i luoghi di sofferenza sono visitati da Dio, ma non tutti lo accolgono. Prima di accogliere la salvezza bisogna accettarsi come bisognosi di salvezza senza avere vergogna di riconoscersi mancanti, ciechi, schiavi e dipendenti dal male. Se le aspettative mondane occupano tutto il posto del nostro cuore non ci sarà lo spazio per la grazia di Dio. Gesù ci chiede di seguirlo nel suo cammino perché insieme a Lui possiamo discernere la voce di Dio e quella del proprio io per obbedire alla sua chiamata e disobbedire al richiamo della carne.

Signore Gesù, Figlio di Dio che abiti in mezzo ai figli degli uomini, povero tra i poveri, la tua Parola dona gioia ai miseri, luce ai ciechi, libertà agli schiavi, dignità agli oppressi, consolazione e speranza agli sfiduciati. Conducimi alla scuola di Nazaret, tra le sue vie dove giocano i bambini, nelle sue case dove famiglie modeste condividono il pane con semplicità e in fraternità, nelle sue botteghe dove s’impara l’arte dell’ascolto umile e della perseveranza nelle piccole opere di bene.

Aiutami a discernere tra la voce di Dio che mi chiama a offrire un servizio ai fratelli e il richiamo dell’orgoglio che invece m’induce a servirmi di loro con astuzia. Donami l’umiltà del cuore perché non rimanga vittima della presunzione e del pregiudizio ma possa cogliere ogni occasione nella quale ti fai vicino per accogliere il tuo invito a seguirti e imitarti anche a prezzo di sfidare la corrente. 

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021
Articolo successivodon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021